Il Flauto Magico secondo l'Orchestra di piazza Vittorio al Teatro Massimo di Cagliari dal 22 al 26 Novembre

Venerdì, 18 Novembre, 2011

Immagine

XXXII Stagione di Prosa  del Circuito Teatrale Regionale Sardo

Il Flauto Magico secondo l'orchestra di piazza Vittorio al Teatro Massimo di Cagliari dal 22 al 26 Novembre

Direzione artistica e musicale di
Mario Tronco

con
Omar Lopez Valle (Narratore); El Hadij Yeri Samb (Papageno);
Petra Magoni (Regina della Notte); Silvie Lewis (Pamina);
Ernesto Lopez Maturell (Tamino); Carloz Paz Duque (Sarastro);
Houcine Ataa (Monostatos), Raul Scebba (Sacerdote);
Ziad Trabelsi (Messaggero della regina); John Malda,
Gaia Orsoni, Zsusanna Krasznai (Tre dame);
Pino Pecorella, Evandro Dos Reis, Dialy Mady Sissoko (Tre ragazzi).

EFESO Produzioni.

In collaborazione con Romaeuropa Festival, e con Les Nuits de Fourvière à Lyon Departement du Rhone

Riletto, smontato, reinventato, rielaborato in sei lingue e a ritmo di jazz, rap, mambo, pop… come se l'opera di Mozart facesse parte di tutte le culture musicali di Piazza Vittorio, come se fosse una favola tramandata in forma orale e giunta in modi diversi a ciascuno dei nostri musicisti. Come accade ogni volta che una storia viene trasmessa di bocca in bocca, le vicende e i personaggi si sono trasformati, e anche la musica si è allontanata dall'originale, diventando Il flauto magico secondo l'Orchestra di Piazza Vittorio.

La musica stessa si allontana dall’originale e negli arrangiamenti di Mario Tronco e Leandro Piccioni rivela ed esalta le potenzialità dell’Orchestra con il suo bagaglio interculturale. Questi musicisti portano la testimonianza di musiche, culture e religioni diverse, che si trovano riunite in questo progetto. Un Flauto contemporaneo, ambientato in una moderna società multirazziale. Non c’è da stupirsi allora se Tamino e Pamina, Papageno, Sarastro e gli altri personaggi cantano in wolof, spagnolo, arabo, tedesco, portoghese e inglese. I ruoli sono stati affidati ai musicisti in base a una somiglianza di carattere o per affinità con certe esperienze vissute: per esempio Ernesto Lopez Maturell interpreta Tamino con l’esuberanza dei suoi 22 anni e più che dall’amore per Pamina, è mosso dal desiderio di avventura e dalla paura dell’ignoto, che a quell’età si trasforma in eccitazione; il mago Sarastro è impersonato da Carlos Paz, un artista con un rapporto molto forte con la politica e la religione, che racconta spesso dei riti sciamanici del suo Paese. La Regina della Notte è interpretata dalla versatile e straordinaria Petra Magoni. La sua Regina finisce per cantare un mambo… Per diretta assonanza El Hadij “Pap” Yeri Samb è stato subito Papageno, una persona semplice e profonda con un carattere molto vicino al personaggio di Mozart.

Sorprendenti e originali le scenografie realizzate da Lino Fiorito, fatta di acquerelli che richiamano l’idea della favola e da didascalie disegnate su pannelli per i recitativi (come per la tecnica dei fotoromanzi). Un’atmosfera insieme magica e sognante, contrapposta al lato terreno e concreto dei musicisti, che per entrare nella parte indossano i costumi disegnati da Ortensia De Francesco.

Il debutto mondiale del Flauto magico secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio è avvenuto a Lione, cui sono seguiti i successi di Atene e Barcellona.

Info:  CEDAC Sardegna - cedac@cedacsardegna.it - Tel. 070 270577 Fax 070 270932

Video Gallery